Mediazione: mancata partecipazione e procura al difensore.

Il difensore può partecipare alla mediazione sostituendo la parte rappresentata?

Come spesso accade nei quesiti giuridici la risposta corretta è: dipende.

Vediamo quando è possibile per il cliente diretto interessato non partecipare personalmente all’incontro di mediazione, senza incorrere in sanzioni come l’improcedibilità del giudizio successivo – in caso di mediazione obbligatoria.

Per far questo ci è utile la recente pronuncia della Corte d’Appello di Napoli la quale, ribadendo un orientamento già consolidato della Cassazione, ha risposto al quesito (Corte d’Appello di Napoli, sent. 3843/2022).

Il difensore può validamente partecipare alla mediazione sostituendo la parte personalmente a condizione che egli abbia procura sostanziale che gli conferisca tale potere di partecipare e conciliare.

Attenzione però: la procura di cui si parla non è la stessa che il cliente conferisce all’avvocato e che il professionista stesso autentica. Il potere di autentica del difensore infatti è escluso per questa particolare tipologia di procura.

In conclusione è quindi necessaria la procura notarile (si veda anche Cass. 8473/2019; Trib. Milano, I sez. 14/01/2021; Trib. Torino, VIII sez. 14/01/2021 n. 120).

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn